Forums.

novembre 30, 2009

Eran certi d’averci preso,stavolta. Partecipazione,ecco la parola d’ordine. Se te il cittadino lo fai partecipare e lo coinvolgi nelle decisioni,o almeno glielo fai credere,col cazzo che te lo trovi contro nel momento sbagliato:puoi sempre dirgli: guarda che c’eri anche te,coglione. Sicchè s’eran creati i forum; anzi, i forums,come avevano acutamente osservato i più giovani della sezione pd,Chicchetto in testa:loro sì che sapevan l’inglese e internet,quindi sapevan tutto.

Come si nominavano i partecipanti ai forums? Ma cazzo, votandoli,che diamine. Dunque s’eran distribuiti opuscoli,volantini,s’eran spedite e-mails (il plurale è segno di buona amministrazione,come avevano detto i giovani della sezione),s’erano affissi avvisi.

Il meccanismo ? Praticamente lo stesso delle primarie,che ormai c’eran tutti prepeparati,diosanto: si votava a manetta,anche gli extracomunitari,anche i bambini di sei anni perchè c’era il loro apposito forum, anche i cani e i gatti, per il forum “città degli animali”.

Come era andata? Bah. Insomma. Aveva votato il sei per cento della popolazione, compresi bambini,cani e soprattutto gatti.

Il forum urbanistica diede subito problemi. Tre geometri s’eran fatti votare dai loro familiari,totale ventisette votanti, ed avevan pulito il melo: fecero una specie di piano strutturale comunale alternativo,dove favorivano i loro ventisette parenti evidenziando come  edificabile anche la vigna piccola piccola e l’orto inquinato dalla pelletteria. Quando il sindaco glielo fece notare,s’incazzarono a bestia.

Il Forum lavori pubblici fu pure peggio. Due pensionati arrivarono alle mani con il dirigente del settore,perchè non li ascoltava quando proponevano il ripristino dell’antico lavatoio comunale davanti a casa loro: il rumore dell’acqua corrente avrebbe favorito la minzione, sennò col cazzo che espellevano i calcoli,diobono,dica lei se questa non è un’esigenza vera del cittadino.

Il forum turismo fu un casino,ma se l’aspettavano: con quella smania di coinvolgere tutte, ma proprio tutte, le associazioni che organizzavano almeno un evento l’anno, s’eran creati dissidi tra la pro loco e l’associazione genitori in parrocchia;  quest’ultima non poteva concepire che la festa per la comunione dei ragazzini fosse,turisticamente,meno importante della sagra del formaggio di scoreggia,che si beccava tutti i contributi comunali.

Il forum giovani? Bah,era quel che era,ma l’avevan messo in conto: si fecero un profilo facebook per invitare tutti alle feste di Chicchetto ( eletto presidente del forum) e chiesero un contributo per aggiornare emule,così avrebbero piratato meglio.

Il capolavoro fu il forum tributi e bilancio partecipato .E sì che il segretario comunale l’aveva detto,di non alimentare illusioni: fu il forum che ebbe  la più alta adesione, presieduto da un commercialista dell’opposizione che otteneva plebisciti con proposte di abolizione tarsu,ici,e che ritenevo possibile disapplicare l’irpef ad iniziativa dell’ente locale.

Tempo dopo, i presidenti dei singoli forums ( compreso Chicchetto: aveva rilevato che, nonostante tutte le ragazze invitate alle feste a spese comunali,  lui scopava sempre meno, perchè lo fregavano quei due albanesi del cazzo, non votati ma membri stabili del forum in quanto  espressione di minoranza etnica) andaron sui giornali: i forums eran stati tutti un successo, e nonostante questo la giunta non li cagava,non inseriva le loro proposte nelle linee programmatiche.

Il sindaco abbozzò: vedremo,ne parleremo,ci penseremo.

Fu quando Chicchetto andò sul gazzettino dicendo che il sindaco parlava politichese, che sentirono il primo cittadino  bestemmiare. Forte.

Bestemmiava forte,in piazza,da solo: dioforum.

O almeno così pareva .

State bene.

Ghino La Ganga