L’omino coi baffi.

gennaio 25, 2010

Facente parte di una sinistra europea nella quale giganteggiavano uno scozzese parlante cockney, e un  renano con i capelli tinti,s’era ritagliato un suo spazio,consistente nel sostenere un governo dove riteneva di meritare il posto d’onore, tant’è che – convintissimo – lo occupò a dispetto dei santi, grazie alla sponda  di un sedicente intellettuale vestito in cachemire che oggi pare avere beghe coniugali.

Certo di meritarsi tutto,a dispetto dello scarso curriculum di studi, si circondò di collaboratori bizzarri quali uno scrittore di romanzi erotici a tempo perso, e un calabrese privo di capelli,ma zeppo di spocchia; forse abbagliato da essi, individuò in alcuni ragionieri bresciani dei capitani coraggiosi che,a suo dire,avrebbero salvato il paese.

S’inventò la bicamerale,e la prese in quel posto; s’nfilò nelle elezioni a testa basta, e la riprese in quel posto.  Convinto d’esser troppo intelligente, negò sempre d’aver perso:perfino quando,entrato in una sala bingo,la trovò vuota.

Bombardò la Serbia perchè non poteva fare altrimenti: e sì che il suo paese aveva appena comprato dei telefoni laggù; usando proprio un telefono,tra l’altro,si mise a far improvvidi complimenti a banchieri e assicuratori, pensando che chi lo ascoltava stesse prendendo sì,appunti, ma solo per scrivere una sua trionfale biografia.

Andò sotto in senato sull’Afghanistan, avendo fallato nel calcolo dei favorevoli: qualcuno dubitò che il suo abbandono della Normale di Pisa fosse dovuto proprio alle sue carenze in matematica.

Mai domo,persuaso che il suo partito lo considerasse un uomo forte,intervenne financo a sindacar sulle primarie,delle quali faticava a capir le regole. Mal gliene incolse, però.

Addio,Massimo. 

Ci mancherai: tu ne sei senz’altro convinto.

State bene,tu e i lettori.

Ghino La Ganga

2 Responses to “L’omino coi baffi.”

  1. sam Says:

    credo sia giusto anche ricordarlo per la recente trombatura come ministro degli esteri in Europa e, in precedenza, per la sua presenza al funerale di Escrivà de Balaguer, amico della dittatura di Franco e paparino dell’Opus dei.

    • anskijeghino Says:

      Per Sam:
      cavolo,hai ragione.
      Cominicio a dimenticare le cose recenti:brutto segno,specie quando sono del calibro di quelle da Te ricordate.
      Grazie per la lettura,un caro saluto.
      Ghino La Ganga


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: