L’Emerito.

agosto 10, 2010

  

Vorrei essere severo. Ne sa troppe,ne ha fatte troppe, ne ha nascoste troppe. E mica solo via Gradoli e compagnia bella. Mannò.Ce ne sono tantissime altre. Pensa un po’ quando voleva decorare i Gladiatori. Pensa alla storia di Giorgiana Masi, con lui livido in viso,sceso dall’alfona 1750 blu, che diceva ai carabinieri in borghese: a quessti bissogna darrgli unna lezionne.E Ustica? Gran manovratore, come pensano tutti, o gran fesso, come diceva lui? E a Bologna nel 1977? I blindati a sgomberare Piazza Verdi li mandò lui spontaneamente in quanto Kossiga con la K, o dietro richiesta bipartisan e/o consociativa del sindaco comunista Zangheri? E le visite a Craxi latitante in Tunisia? E le frasi sui giudici ignoranti quando picconava? E le micidiali strisce su Frigidaire,dove era rappresentato come un inquietante e carognesco GufoFrancesco? Sì, vorrei essere severo. Poi però mi viene in mente che quel suo tremendo cinismo è la base di tanti politici considerati tosti. E mi ricordo anche altri fatti. Mi ricordo di quella volta che andò a Bilbao a incontrare quelli dell’Eta in clandestinità sulle colline; e ci andò a cavallo di un asino, vestito di blu con cappellaccio in testa, come se fosse la cosa più normale del mondo, incurante delle sbigottite proteste di Aznar, alle quali replicò vaddo a trovarre dei vecchi ammicci. Mi viene in mente di quell’altra volta che, al processo per i legami di ‘ndrangheta e P2, regalò al giudice Cordova un gioco da tavolo del piccolo investigatore, un salvagente con paperella, un secchiello con paletta, allegando un garbato biglietto di invito a distrarsi e ricrearsi; e di quando, dopo la rituale querela del magistrato, esibì al processo lo scontrino del negozio di giocattoli vicino al Quirinale, dove aveva acquistato quegli oggetti assieme al fiddo Giffunni.Mi viene in mente la memorabile intervista al momento dell’intervento in Iraq: l’unica cosa che l’Italia può farre serriamente per la coalizionne è riempirre due o tre moschee di pasta e passatta di pommoddorro, e mmetterci i carabbinierri del Tuscannia a farre la guardia.

Beh. Che dire? E’ un grandissimo figlio di puttana. Ma non riesce  a starmi sui coglioni.

Auguri,Francesco.

State bene.

Ghino La Ganga

8 Responses to “L’Emerito.”


  1. A me è sempre sembrato il Conte Zio con il Prozac.

  2. mikecas Says:

    a me è sempre sembrato la versione “ufficiale” della P2…
    nemmeno a me sta sui coglioni, che sarebbe una sensazione troppo individuale, ma lo ritengo semplicemente un pericolo pubblico…

  3. LadyLindy Says:

    io non sto piangendo.

  4. anskijeghino Says:

    per Galatea:
    osta. Buon paragone. Inchino e baciamano.
    Ghino La Ganga

    per Mikecas:
    o un pericolo a difesa del pubblico,direbbe lui. Boh. Stai bene.
    Ghino la Ganga

    per LadyLindy e MadDog:
    vi pare che io stia piangendo?
    State bene.
    Ghino La Ganga


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: