Prima che sia domani.

novembre 4, 2010

 

Quando poi questa storia passerà, magari, solo un istante prima che ne cominci un’altra, sarebbe interessante fermarsi solo per un momento, anche solo un momento e basta, a pensare alle parole del gestore del locale di Genova, che descrive il video nel quale Ruby Rubacuori si esibisce nella simulazione di molteplici atti sessuali come una cosa innocentissima; poi alle parole di Nadia Macrì, che su facebook,con il tono della perseguitata, intima: siete con me o no?; poi alle parole di Ruby Rubacuori, che dice, rabbiosa, di volersi allontanare da tutta questa immondizia mediatica; alle parole dell’avvocato Taormina, che descrive un Brunetta assai interessato alle vicende di Nadia Macrì, quasi fossero questioni sue personali; eppoi ancora a Brunetta, che parla di dichiarazioni fuori dalla grazia di dio e a Fede, che dice di voler mandare le ragazze coinviolte nella storia al manicomio. Magari sarebbe interessante riprendere le dichiarazioni di alcune donne esponenti del PDL; ma non quello nazionale, bensì quelle della periferia, come ad esempio quelle delle mie parti, zona di Rimini: ossia Samantha Coelati Rama, consigliere comunale a Verucchio, che afferma che non le dà fastidio Berlusconi, bensì Ruby, perchè è sveglia, mentre osserva che la battuta sui gay la poteva evitare, ma essere gay non è del tutto normale; Valeria Piccari, consigliere comunale a Rimini,che dice che se si può esibire l’orgoglio gay non è scandaloso esibire l’orgoglio etero; per concludere con Liliana Cingolani, altro consigliere comunale a Rimini, che chiosa: ad ogni modo dai sondaggi Berlusconi esce rafforzato.

State bene.

Ghino La Ganga