Ottanta Resistenza.

novembre 30, 2010

 

A fine novembre 1980 gli svizzeri Yello fecero uscire l’album Solid Pleasure.  Il primo singolo estratto fu Bostich. Aveva un attacco di batteria acustica con eco, cui si univano basso e tastiera elettronica, programmati con i primi sequencer . Erano i suoni che avrebbero caratterizzato il decennio:  pensate  solo ai successivi  Radio Gaga  dei Queen e  Sexcrime/1984  degli Eurythmics .  Nonostante fosse un buon brano, non si affermò subito in discoteca. Tant’è vero che  ci mise un bel po’, a entrare in qualche scaletta. Ne fui testimone diretto: nel marzo 1982, alla megadiscoteca  Bul-Bul di Castrocaro,  udii un paio di tizi chiedere al dj: ma cos’è quel pezzo nuovo che hai messo prima di Don’t You want me degli Human League?

Era Bostich degli Yello. Che non era un pezzo nuovo : aveva già un anno e mezzo. E che dal 1994 in avanti, a ben 14 anni dalla sua uscita, subì tanti di quei rimissaggi da perderne il conto. 

Il primo che mi viene a dire che gli anni ottanta non han prodotto niente di buono, lo stendo.

State bene.

Ghino La Ganga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: