Semo ienchi de borgata.

maggio 2, 2011

Ce stavano que’ due sfijgati che se stavano a sposà che tutti urlaveno co’ ‘sti cappelli stronzi, però la tele li stava a inquadrà; poi ce stava quer mijone e mezzo de ‘mbecilli a fa’ la fila per ‘sto polacco, che se fosse mai capito cazzo vor di’ che te beatificano, a mme  mme sa che vor di’ che non sei proprio santo, sei mezzo santo, ‘n santino, ‘n mezzo sorcio, una robba così; e noijartri, insomma, che cazzo stavamo a fa’ ? quarcosa bisognava che tiravamo fora per fa’ contento er neggro nostro ; c’è toccato de fa’ tutto ‘sto casino in pachistà, che quello n’se trovava: ma ndò stà ‘sta casa? ndò stà ‘sto campo? che poi, ‘sto posto a me  mme pareva tutto abbusivo come certe case d’amichi mia al Laurentino 38, co’ ‘sti muri, ‘sto filo spinato arto sei metri, ma sarà stata reggolare ‘sta robba?  ma che è, je l’hanno pure condonata? pure n’elicottero ce s’è scassato; c’ha aperto ‘a porta ‘sto qui, sà ‘rcazzo se era lui davero, bastava che c’aveva a’ barbaccia ‘ncorta: noi, pum,  i’amo sparato in testa per’ stà sicuri; via er corpo in mare, chi s’è visto s’è visto, mo’ so cazzi sua, ha voglia su’ figlio a di’ che s’è incazzulito: diteme come cazzo se fa’ a piglia’ sur serio uno che dice che s’incazza su rollinstone magasine. Vojio di’, a’ stronzo: almeno va’ dalla de filippi e fatte n’esterna co’ la pischella tua, che te si inculano dippiù, a’ scemo, che se te pija er patata te  gonfia.

Statte be’.

Ghino Testaccino La Ganga