Con la camicia rossa / e i pantalon turchini.

agosto 28, 2011

 “Oh…”

“Oh.”

“Sei poi andato a quella cerimonia….”

“Sì,sì…due palle…..solita rievocazione, “camicia rossa e pantaloni turchini, uomini che hanno dato la vita, l’ideale”…eccetera eccetera….”

“Solita pugnetta…”

“Sì, certo…però la cena era buona…”

“Ma si pagava?”

“Io non ho pagato di sicuro….cazzo, vorrà pur dire qualcosa l’essere discendente d’un garibaldino…di uno che ha combattuto sul serio…”

“Ah. Osta. Ma allora, ti invitano spesso per ‘ste cose?”

“Eh,beh,quest’anno, è un invito dietro l’altro. Un giorno per l’anniversario della tal battaglia, un altro per parlare nelle scuole, un altro ancora nel tal comune per la tal ricorrenza…..sempre ospite spesato, è chiaro…..”

“Però. Mica male….”

“Ti dirò, pensavo peggio, Invece quest’anno me lo sto sfangando benino, dai. Il problema è che il centocinquantenario finisce presto, purtroppo…siam già a settembre…..che adesso, in ‘sto mese, per cosa vuoi che faccian ricorrenze…mica rievocano l’otto settembre come un giorno glorioso, per dire….tocca aspettare l’anniversario di Porta Pia il venti, e sperare che il vaticano non faccia pugnette….. “

“Eh,già…no io, così…mi chiedevo…..ma non è che ogni volta ti chiedono un albero genealogico?”

“No, che c’entra. Mi conoscono. Lo san tutti che il mio trisavolo era garibaldino.”

“Vedi che culo. Io ho solo avuto uno zio nei forestali….e negli anni settanta, per giunta. Non ci faccio un cazzo…”

“Eh,mi sa di no…era stato decorato,almeno?”

“Ma dove? E per cosa? Eran più le volte che tornava a casa con qualche diecimila omaggio dei bracconieri…..però l’avevano promosso. Ma come decorazioni, no, Niente.”

“Mh. E allora mi sa che non c’è niente da fare. Niente inviti. Ma perchè me lo chiedi, poi?”

“Beh..in realtà è per questo. Anita Garibaldi era brasiliana, no?”

“Sì. Quindi?”

“C’è su un certo sito una certa escort brasiliana che è uno spettacolo…..ecco, io volevo andar lì da lei, dire che ho un antenato garibaldino, dire che voglio rievocare l’epoca……vuoi che non mi ospiti gratis? Cazzo, è il centocinquantenario…”

“Te sei scemo….adesso anche questa..”

“No,dai. Senti, facciamo così: vado a nome tuo e dico che mi manda il discendente di un garibaldino. Dai, cosa ti costa? ……scusa, mica è giusto che per ‘sto centocinquantenario godi solo tu, scusa…..cazzo abbiam fatto st’Italia unita, allora…..oh,pronto? Perchè non rispondi? Dai, cazzo riattacchi……”

 (State bene. Ghino La Ganga)

7 Responses to “Con la camicia rossa / e i pantalon turchini.”

  1. pio Says:

    figa, ma li conosci tutti te

  2. uoitiua Says:

    Ahah, riso di gusto.

  3. anskijeghino Says:

    per Pio:
    cazzo,mica è vero. E’ che son tanti.
    😀
    Stai bene.
    Ghino La Ganga

    per Uoitiua:
    😀
    Stai bene.
    Ghino La Ganga

  4. Paolo C Says:

    bravo Ghino, cominciavo a sentire la mancanza di un post a base di corna e/o mignotte varie. Vediamo di non diventare un blog serio, per piacere.

  5. mauro Says:

    meno male che ti ritrovo sempre in forma,che tornare dalle ferie è sempre una tristezza.(la croazia è come cesenatico,ma senza la sabbia)

    • anskijeghino Says:

      per Mauro:
      grazie per la lettura e bentornato; la Tua definizione della Croazia me la segno, è notevole.
      Stai bene.
      Ghino La Ganga


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: