Siamo tutti tenori.

settembre 7, 2011

E’ morto, e questo dispiace a tutti: certo. Con i suoi organi,  che la famiglia ha donato , sono state salvate tre persone: un gesto nobile.  Che però il suo viaggiare in moto senza casco sia stato prima affermato, poi smentito, poi di colpo ignorato –  dacchè egli sarebbe stato colpito prima da un’ischemia cerebrale che gli ha fatto perdere il controllo del mezzo –  fa molto riflettere.  Specie leggendo certi commenti al caso presenti  in rete, dove tanti (troppi) sentenziano : doveva fare poca strada, nessuno mette il casco per fare duecento metri.

Già. In fondo han ragione. Ci piace molto sentirci artisti, mentre facciamo i coglioni.

State bene.

Ghino La Ganga