Se ti appare proprio lì.

settembre 14, 2011

Mercoledì 21 settembre, alle ore 21, Claudia Koll sarà presente presso la Parrocchia Stella Maris del quartiere Fontanelle in Riccione, per la tradizionale festa di apertura dell’anno pastorale. Comprenderete che questo appuntamento è imperdibile  per tutti : ma in special modo  per me, che a Riccione devo la mia prima giovinezza, i miei primi baci con la lingua, i miei primi turbamenti, le mie prime serate in discoteca, la mia prima sigaretta,  le  prime diecimila false rifilatemi, la mia prima serata in un lap-dance club, la mia prima moglie; nonchè  la mia prima, indimenticabile, suocera, che ricordo sempre nelle mie preghiere serali. Ditemi Voi, se l’arrivo della spirituale Claudia Koll in cotale luogo non rappresenta un chiaro segno del divino. Quindi, non fate i lavativi: ci si vede tutti in loco, muniti di rosario, per il dovuto sostegno alla straordinaria ospite della serata.

State bene.

Ghino La Ganga

Basta il memoriale.

settembre 14, 2011

 

 

“Oh.”

“Oh….eccoti…”

“Già. Senti…io, per schiantare quella storia, ho scritto un memoriale e l’ho dato a Gianmaria.”

“Che? Sei scemo?”

“No. Affatto. Ci ho pensato bene. Così la schiantiamo.”

“Scusa, ma cosa ci hai scritto?”

“La verità. Cioè: quello che per me è vero, ecco.”

“Ma pensa te. E cosa è vero, per te?”

“Anzitutto: è vero che mi scopo la Serena.”

“No, scusa: tu hai dato a Gianmaria un memoriale dove hai scritto che ti scopi sua moglie?”

“Sì. Perchè è vero. Questo non lo può negare nessuno. Io mi scopo la Serena. O meglio: me la scopavo. Adesso,d’accordo, abbiam deciso di smettere. Lei sa anche del memoriale, tra l’altro. E’ d’accordo.”

“Io dico che i matti stan bene con i matti….”

“Ho scritto tutto. Anche di quando siamo andati con una coppia scambista. Una coppia che io conoscevo, tra l’altro.”

“Ma dimmi tu…”

“Ho pagato la tessera io, per il club privè. Questa è un’assunzione di responsabilità. La Serena voleva sfogarsi. La conosco da anni. Mi faceva pena: una così bella donna, sempre brillante, sempre così generosa, mortificata dalla brutta situazione economica che stava vivendo suo marito. Non era giusto, ecco.”

“Certo. Tu sei un uomo generoso, lo sappiamo…”

“Bravo. E’ tutto qui. Io, generosamente, le davo dei regali ogni tanto. Trecento euro una sera, cinquecento un’altra. L’ho consigliata, per giunta. Le dicevo : guarda che Guido vorrebbe scoparti, e secondo me anche Sergio. Ed era vero. Tutto vero. Loro volevano, lei li ha accontentati.E loro sono stati generosi con lei.”

“No scusa…ma con quanti è stata?”

“Nel memoriale ho messo giù una cifra indicativa. Mica son stato lì a tenere i conti esatti. Saran stati una ventina. Dai: diciamo trenta. A volere andare sul sicuro, magari si arriva a quaranta. Cinquanta al massimo, ecco.”

“Scusa….ma chi cazzo sono, tutti ‘sti qua?”

“Mah…alcuni li conosco. Ero tentato di metter anche il tuo nome, perchè secondo me anche te….potevi esserci stato.”

“Cazzo dici?”

“Ma dai…..adesso fai tanto il santo. Lo so come la guardi, la Serena….ma non è questo il punto. Io ho voluto fare chiarezza. Perchè Gianmaria sta rompendo le palle a tutti: voglio parlare con Guido, voglio sentire anche Massimo….che due palle. Adesso io ho fatto chiarezza. Non era prostituzione. Eran solo regali. Al massimo : offerte. Prestiti. Serena voleva tanto la macchina nuova, che con quella vecchia mica poteva andar più in giro. Grazie a me, e ad altri generosi come me, ora ha la macchina nuova.”

“Ah, quindi ruota tutto attorno alla generosità.”

“Certo. Infatti, è barbaro il sistema, che non ammette la generosità. Gianmaria dovrebbe capirlo, anziché far tutte ‘ste storie.”

“Beh,certo…adesso che gli hai dato il memoriale, dovrebbe finirla, di far tutte ‘ste storie….”

“Certo. Dovrebbe finirla. Invece è lì che minaccia: vengo a prenderti a casa, ti spacco la faccia….ma quanto la fa lunga. Con tutti gli impegni che abbiamo tutti, lui ha delle belle pretese. Come se tutti fossero lì al suo servizio, pronti a correre dove dice lui. Ad esempio: voleva parlarmi ieri sera, che c’era la Champions League. Ma è possibile? Cazzo, hai il memoriale! E’ tutto scritto lì! Cosa vuoi approfondire, pataca….”

“Eh beh, se uno ha il memoriale….”

“Appunto. Cazzo perdi tempo a telefonare. Leggi e non rompere i coglioni, no? Tanto mica le cambi le cose, caro mio….”

“Ah,quello no di sicuro. Vabbè, ci sentiamo. Ciao.”

“Oh, se ti dovesse chiamare Gianmaria, diglielo anche tu : è tutto nel memoriale. Ciao.”

 (State bene. Ghino La Ganga)