Io voglio, egli vuole.

agosto 13, 2012

 

Maurizio Carbone segretario ANM

 

Voglio andare a letto con due pornostar per volta, e che la mia ex moglie approvi dicendo: hai ragione vai pure e divertiti che te lo meriti, e già che c’è mi allunghi gli euro necessari alla bisogna; voglio  la cena  già pronta, giusta per quando torno a casa anche se vivo solo: saporita ma non grassa, il vino rosso a tredici gradi e mezzo ma che  non arrivi in testa; voglio che la mia auto faccia chilometri senza consumare carburante e  manco li segni; voglio che ci sia  sempre il sole ma i prati siano  verdi e perfettamente irrigati; voglio che  il mio conto sia sempre attivo anche se i clienti non pagano, ed essere stato io stesso a dir loro fate con comodo; voglio che  i miei amici mi chiamino giusto giusto quando mi sento solo, nè un secondo prima nè un secondo dopo, e organizzino sempre cose divertentissime e coltissime: mai una battuta fuori posto, mai che rompano i coglioni; inoltre, voglio vivere in un paese civilissimo e organizzatissimo, dove la pressione fiscale sia pari al 2% del reddito ma i servizi ci siano tutti, e funzionino con una precisione che la Svezia non sa cosa sia.

Come dite?  Che voglio troppo? Eh,no, scusate: io voglio poco o niente, in fondo. E’ questo qua sopra, che vuole che all’Ilva di Taranto si agisca subito per ripristinare la legalità, salvaguardando lavoro e ambiente.

State bene.

Ghino La Ganga

4 Responses to “Io voglio, egli vuole.”

  1. lector Says:

    Guarda che ieri un genio, intervistato al telegiornale, ha trovato la quadratura del cerchio: che si impieghino da subito tutti lavoratori per la bonifica ambientale. Et voilà!

  2. MadDog Says:

    Volli, volli, volli, fortissimamente volli? :mrgreen:

    Voglio l’erba voglio,
    voglio avere un quadrifoglio da trovare sul mio prato di moquette……….

    ….. no, dai, io questi geniali “quadratori del cerchio” non riesco nemmeno più a commentarli.

  3. Dr.Gonzo Says:

    meno male che ci pensa vendola a mettere le cose in chiaro sull’ilva:
    “Lo sguardo di chi governa deve pesare ciascuno dei beni da tutelare, deve custodire tutte le promesse di futuro, ma soprattutto deve sentire la responsabilità di evitare che vinca il caos, e che l’ardire utopico dei pensieri lunghi si pieghi alla disperazione di un presente immobile, quasi divorato dal suo passato.”

    • MadDog Says:

      Ovvero: sbiliguda! La supercazzola prematurata con scappellamento a destra.
      Con l’orecchino, come se fosse Antani. Per due.

      Il conte Mascetti ha fatto scuola anche in quel di Bari, a quanto vedo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: