Un paese, un distributore.

agosto 14, 2012

 

suv che fa il pieno gratis alla Total di Treviolo (BG)

 

 

Difficile trovare un caso che rappresenti meglio il nostro paese, di quello accaduto al distributore Total di Treviolo (BG): alla chiusura serale, il benzinaio si scorda di inserire il self-service, sicchè le pompe restano attive gratuitamente. Se ne accorge un tizio, che prima si rifornisce senza spese, poi chiama a raccolta i parenti : e via di pieno gratis anche loro. Poi si avvisano gli amici, che provvedono alla grande: migliaia di euro tra serbatoi di tutti i tipi. Ma il capolavoro sono i parenti degli amici: arrivano con citycar fighette e  suv da sessantamila euro in su  (alcuni con tanto di rosario o cornetto appeso allo specchietto interno, come documentano le immagini delle telecamere del’impianto)  e riempiono fior di taniche, che  stipano nel bagagliaio: i tempi son duri per tutti, e il macchinone da sfoggiare beve più della suocera. Alla fine, risultano prelevati oltre diecimila euro di carburanti vari. Ma sì, ammettiamolo: siamo convinti che basteranno il sole, il mare, la cucina, la creatività, il design, il made in Italy. In realtà, siamo solo dei poveracci paesani che vantano ricchezze inesistenti. Per giunta siamo bigotti e superstiziosi, con famiglie numerose. Null’altro.

State bene.

Ghino La Ganga

6 Responses to “Un paese, un distributore.”

  1. procellaria Says:

    Spero che vengano identificati e stuprati analmente con dildi d’acciaio rovente. Forse potrei farlo di professione, dico stuprare analmente su commissione con dildi di acciaio rovente. Sembrerebbe un lavoro gratificante, anche se l’odore di carne bruciata e merda arrosto alla lunga potrebbe stancare.

  2. MadDog Says:

    Ecco…. il “con famiglie numerose” mi apre uno squarcio su di un futuro alquanto desolante.
    L’ipotesi “sterilizzazione di massa” d’un tratto non mi pare più tanto peregrina.

  3. lector Says:

    No “null’altro”. Siamo anche profondamente ignoranti, perché il fatto costituisce un reato e, probabilmente, ci saranno decine di persone che – identificate grazie alla telecamera – si sporcheranno la fedina penale – con tutte le conseguenze che ciò comporta: impossibilità di ottenere un fido in banca o un semplice acquisito a rate, di concorrere per un pubblico impiego, ecc. ecc. – per una stupida cazzata che ha fruttato loro poche centinaia di euro ciascuno. Ben gli sta. Ma continuo a dire che, se ci fosse maggiore consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni, ottenibile solo tramite un percorso scolastico d’educazione civica che preveda lo studio della costituzione e dei rudimenti del diritto civile e penale, forse queste cose accadrebbero in minor misura. Forse. In ogni caso, tentar non nuoce.

  4. un passante Says:

    Da applausi, come al solito del resto!


  5. …posso usare questa foto, nel caso volessi scrivere un post sugli eroici robin hood del download?

  6. anskijeghino Says:

    per procellaria:
    il Tuo continuo scavalcarmi sul piano del sadismo mi inquieta un tantino, amico mio.
    😀
    Stai bene. Ghino La Ganga

    per MadDog:
    idem come sopra,amica mia.
    😀
    Stai bene. Ghino La Ganga

    per Lector:
    sarà ignoranza dovuta al non essere andati per tempo dalla maga, vera fonte di cultura per milioni di connazionali.
    Stai bene. Ghino La Ganga

    per unpassante:
    troppo buono. Stai bene. Ghino La Ganga

    per ricco&spietato:
    trattasi di foto che gira in rete, sicchè….
    stai bene.
    Ghino La Ganga


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: