primavera 

 

Appena entrati nel locale e arrivati nella zona riservata, ho notato diverse persone, in gran parte uomini e diverse donne, nudi, che si accoppiavano. Sabrina vedendomi agitata mi tranquillizzò e mi spiegò che lì aveva conosciuto il suo ex fidanzato.”

( E’ un estratto – pubblicato a pag. 19 de La Stampa di ieri –  del verbale di Polizia Giudiziaria relativo all’interrogatorio di una delle due studentesse  piemontesi, condotte dall’insegnante – già cubista –  in un club scambista della zona di Ivrea. L’ho postato perchè è come il primo giorno di primavera: tutto mi sembrava grigio, uguale, monotono, e di colpo è arrivato il raggio di sole che ogni cosa riscalda e fa rifiorire. Non ho più bisogno di pensare a che scrivere: è già pronto lì, lo spettacolo della natura. Quella contemporanea, intendo. In sottofondo suggerisco un brano vecchiotto e a mio avviso  sottovalutato: Kirlian Camera, Ocean. State bene. Ghino La Ganga)

Abbottonati.

marzo 19, 2014

abbottonatura renzi

“Oh.”

“Eh.”

“Ci hai provato ?”

“Sì. Tre volte da stamattina. Abbottono la giacca mettendo il secondo  bottone nella terza asola. Ma non succede un cazzo. Niente.”

“Mh. Però mia nonna era sicura che portasse fortuna. Diceva sempre: asola sbagliata, soldo assicurato.”

“Ah. Ma tua nonna era ricca?”

“No.”

“Allora è un detto del cazzo.  Con il dovuto  rispetto per la nonna, sia chiaro.”

“Sì, capisco. Vabbè. Niente, torniamo ad abbottonarci normali, dài.”

“Ecco, bravo. Che io mi sentivo anche un po’ scemo. Ciao.”

“Ciao.”

(In sottofondo suggerisco: David Bowie, Right. State bene. Ghino La Ganga)

Spiegateci chi siamo.

marzo 18, 2014

 colletto da prete

Con una lettera aperta, pubblicata sui quotidiani locali, i parroci di Cervia hanno chiesto ai candidati Sindaci per le prossime amministrative di chiarire quale posizione i politici della zona abbiano su unioni gay, aborto, eutanasia. Un tempo, avrei bollato questa lettera come l’ennesimo esempio di una pedante  invadenza religiosa nella società. Oggi, questa lettera mi fa pena: dimostra che i disgraziati in tonaca non san più che pensare o dire. Cercano dunque interpreti  del pensiero di Papa Francesco, volendosi sincerare se per caso  qualcun altro ci abbia capito qualcosa e, magari, glielo spieghi.  Che  la ricerca parta proprio dall’incasinatissima Romagna è la ciliegina,  ne converrete.

State bene.

Ghino La Ganga

Invasori.

marzo 17, 2014

crimea

 

 

“Oh.”

“Eh.”

“M’ è venuta improvvisamente voglia di invadere qualcosa.”

“Bello. Quindi?”

“Quindi pensavo di cominciare da dove parlano italiano.”

“Ottimo. San Marino?”

“Era la mia prima ipotesi, ma son messi da cazzo. Sarebbero perfino capaci di votare sì al referendum di annessione. No, lasciamo stare.”

“Canton Ticino?”

“Mh. Se proviamo a fare un referendum lì, vincono quelli che vogliono cancellare i cognomi italiani.”

“Già. Meglio lasciar perdere. Argentina?”

“Osta. Tanto vale dichiarare bancarotta prima di invadere.”

“Verissimo. Brooklin?”

“Sarebbe interessante, ma si rischia la rappresaglia americana. Cioè: se fai una roba così, la rappresaglia te la fanno davvero, non la minacciano solamente.”

“Capisco. E’ rischioso. Senti: resta solo Città del Vaticano.”

“Avrebbe il suo fascino.”

“Senz’altro. Un gran fascino. Però dopo non cambia un cazzo. Anzi: li devi mantenere esattamente come fai adesso. Forse anche di più.”

“Già. Senti: lasciamo stare?”

“Sì, lasciamo stare. E’ meglio. Ciao.”

“Ciao.”

( In sottofondo suggerisco: Mike Oldfield, Platinum Part 3, Charleston. State bene. Ghino La Ganga )

INXS

INXS

Stavo pensando che in questi mesi del 1984 era uscito come singolo Original Sin.  E  che oggi molti lo considerano il brano simbolo di quel decennio.

State bene.

Ghino La Ganga

Italicum.

marzo 15, 2014

bandierina tricolore

 

In estrema sintesi:  combattiamo la droga importandola massicciamente, facciamo beneficenza con i denari fregati alla nonna, tuteliamo la privacy pubblicando ecografie su facebook.

State bene.

Ghino La Ganga

Bagaglio a mano.

marzo 14, 2014

Federica Gagliardi

Federica Gagliardi

Boh. Chi ci capisce più nulla?

Io ero rimasto che se imbarcavi più di otto, massimo-massimo dieci chili, s’incazzavano di brutto.

State bene.

Ghino La Ganga