Cambierà.

giugno 17, 2014

 Donna seduta di schiena ( Mario Tozzi)

Io voglio un uomo che abbia certe caratteristiche ribelli. Che sia anche un po’ selvaggio. Così io poi lo cambio.”

La guardi attentamente. La donna che sta parlando ha la tua età. Quella nella quale una donna viene chiamata signora, e non solo per cortesia. Una bella signora. Che parla. Parla. Parla.

Io voglio un uomo che sia un po’ Ulisse. Velista.  Oppure, che so: scalatore.  Avventuroso. Uno che parte e va in tenda ovunque. Poi però piano piano io lo cambio.”

Ti ricordi di una tipa che conoscevi, tanti  anni fa. Si sposò con un tizio che era stato ed era tutti gli ista: velista, progressista, movimentista. Quando litigavano, lui in effetti andava  via in tenda. Sugli Appennini, diceva lui. Stava fuori anche due settimane. Tornava quando lei era ormai isterica. Tornava da lei e non le  diceva una parola. Poi litigavano di nuovo e lui via in tenda. Vanno ancora avanti così, senza alcun cambiamento.

Un uomo che però mi sorprenda. Che mi sappia riscaldare all’improvviso.”

Visualizzi l’immagine di lei a pecorina in una canadese , con la schiena dell’avventuroso Uomo Un Po’ Ulisse  che gonfia la tela della tenda mentre la prende da tergo. Le ginocchia di lei, oggi cinquantenne,  sull’infame materassino decathlon. Una roba da porno tedesco di fine  anni settanta, resa attuale dal solo marchio commerciale. Del resto: se esiste un fenomeno nu-disco, vuoi che non parta spontaneo un filone nu-porno?

Perchè noi donne amiamo l’uomo Ulisse. C’è poco da fare. Amiamo l’uomo duro, che si allontana ma poi torna. Torna perchè capisce che è giusto che noi lo cambiamo.”

A te risulta che il movimentista di cui sopra abbia solo cambiato la clinica dove operarsi l’ernia tra un Appennino e l’altro, mentre la di lui tipa  va avanti ancora a calmanti. Però non lo dici, ti pare indelicato davanti alla foga della bella signora.

Di uomini così ce ne sono pochi. Purtroppo. Tutti rammolliti senza carattere. Tutti a piagnucolare. Invece l’uomo Ulisse deve rendersi conto che deve cambiare, ma bisogna lasciargli credere che sta decidendo lui. Invece, sto decidendo io. Così lui si calma, si ferma, e finalmente si sposa con me, ma come dico io.”

Osservi la bella signora che parla. La conosci dai tempi dell’università, quando avevate entrambi poco più di vent’anni. Faceva esattamente gli stessi discorsi. Il velista, lo scalatore. L’uomo Ulisse. Da cambiare per poi sposare,  ma come diceva lei.

La osservi ancora. Oggi ha cinquant’anni.  No, lei non è cambiata.

(In sottofondo suggerisco: Kasabian, Eez-eh. State bene. Ghino La Ganga)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: