Far Donetsk.

luglio 20, 2014

 

Igor Strelkov

Igor Strelkov

 

Sono vicino al primo ministro Olandese. Davanti a un crimine terribile, è un uomo abbastanza solo, alla guida di un paese piccolo dal modesto peso internazionale, facente parte di un’Unione Europea nella quale ognuno fa per sé. Quello che è stato commesso – tra gli altri – contro civili olandesi, non appare affatto un atto di guerra, bensì  un gratuito scempio privo di qualsivoglia motivo politico o militare: lo provano sia la scomparsa e repentina ricomparsa delle scatole nere dell’aereo, sia  il successivo sciacallaggio sui corpi delle vittime, depredati perfino delle carte di credito che risultano  attivamente usate nella zona dove si trova il relitto . Tutto ciò conferma  una situazione priva di regole, nella quale  ritengo congruo suggerire al premier olandese  un vecchio metodo del far-west: ossia quello di costituire  una cospicua taglia sui responsabili, vivi o morti che siano. Per inciso, nell’iniziativa è immaginabile una collaborazione australiana e malese: sicchè gli suggerisco di telefonare ai suoi colleghi di quei due paesi per concordare  procedura e advertising.  Perchè ancora la foto di ‘sto tizio? Beh, mi sembrava  perfetta per il primo manifestino della taglia.

State bene.

Ghino La Ganga