Tratta che ti ritratta.

ottobre 7, 2014

La Trattativa (Sabina Guzzanti)

La Trattativa (Sabina Guzzanti)

Mah. L’idea  non è originalissima, perché viene dritta dritta dal Von Trier di Dogville: mettere in scena il confine tra cinema e teatro, vedendo fin dove si arriva. Il problema è che però in questo film si arriva  poco più avanti. Eppure ci sarebbe l’occasione dell’intervista a Mancino: ma è debole e si risolve in due domandine che paiono carezze. Eppure si potrebbe  intervistare Enzo Scotti: ma  Sabina Guzzanti  deve essere convinta sia morto pure lui, come Parisi e Scalfaro. Eppure ci sarebbe non solo da ascoltare magistrati inquirenti e mafiosi pentiti, ma anche da inseguire politici vecchi e nuovi, incalzandoli per la  strada con domande serrate: invece l’unico che parla, placidamente seduto in poltrona, è un Claudio Martelli molto invecchiato e molto stanco. Sicché il film si riduce ad essere un riepilogo di circostanze note e stranote:  una regista meno megalomane ne avrebbe potuto trarre  – al più – un documentario da mandare in onda su Rai Tre un sabato sera al posto di Blunotte. Invece ne è sortita questa specie di prova generale in un teatro occupato  da buoni attori , chiamati a raccolta da una loro collega:   la quale  delle proprie nevrosi par sempre più vittima, mai beneficiaria. Però non ho abbandonato la sala a metà proiezione. Di ‘sti tempi è già tanto.

State bene.

Ghino La Ganga

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: