La crisi dell’85.

marzo 14, 2015

potone

 

 

E’ novembre ottantacinque sei a Bologna non hai voglia di studiare e hai un esame tra pochi giorni veramente ci sarebbero i Propaganda non è chiaro se al Qbo di via Vaparaiso oppure al  Puntacapo di Budrio e comunque gli altri vanno ma è come se ti avessero escluso o come se tu ti fossi autoescluso non lo sai bene neanche tu che cazzo sta succedendo in questo novembre ottantacinque tutti sembrano supercontenti c’è la ripresa economica c’è il pentapartito al governo c’è la sinistra in municipio c’è il campionato di calcio più bello del mondo con Platini con Maradona con Elkijaer perfino con Pasculli c’è la grande moda italiana le auto sono tutte con il turbo la fiat uno turbo la fiat croma turbo che ha lo stesso pianale della lancia thema anzi se la trucchi un po’ va pure più forte infatti giovedì Paolo e gli altri per provare la croma turbo iniezione elettronica di suo padre sono andati da Bologna a Modena allo Snoopy ci hanno messo compresa l’autostrada venti minuti all’andata e quindici  al ritorno perché alle tre di notte in autostrada non c’era quasi nessuno prima di partire sono anche passati a suonarti in appartamento vicino a via Zamboni son saliti con l’ascensore fino alla tua porta dài cazzo vieni con noi cosa fai qui a farti le seghe sul libro tanto se lo devi passare l’esame lo passi lo stesso è il destino che decide mica solo lo studio vieni allo Snoopy a Modena che è pieno di figa poi se ci gira quando è tardi andiamo allo Shilling a vedere qualche bella donnina nuda ci son delle ragazze troppo gnocche che si spogliano dài cazzo gli hai detto di no sei rimasto lì a leggere il libro a provare a studiare come anche stasera che è novembre ottantacinque hai vent’anni e stai lì nell’appartamento vicino a via Zamboni non vai a vedere i Propaganda che sono stati anche bravi te lo dicono il giorno dopo te lo dice anche Paolo mentre stai tornando all’appartamento arrivati al portone ti guarda ti dice ma mi spieghi cazzo hai mi spieghi che cazzo ti sta succedendo me lo vuoi spiegare diosanto cosa hai diosanto abbiamo vent’anni se non siamo allegri adesso quando mai lo siamo se non viviamo adesso quando viviamo  gli dici  va bene hai ragione tu ciao lui si allontana guardandoti anche un po’ seccato apri il portone entri lo chiudi ti appoggi con la schiena al portone chiuso  nel cortile interno nell’atrio  non c’è nessuno così finalmente puoi metterti a piangere da solo e dire piano lasciatemi perdere per favore cazzo ne so cos’ho cazzo ne so vi giuro che lo direi diosanto se solo sapessi cos’ho.

(In sottofondo : Propaganda, Loved. State bene. Ghino La Ganga)

Advertisements

2 Responses to “La crisi dell’85.”


  1. Eh. E non capita mica solo a vent’anni.

  2. Stefanino Says:

    Per non parlare che al basso c’era Derek Forbes e alla batteria Brian McGee. Metà Simple Minds. Brutta storia, le crisi. Io mi son perso i Lords of the new church, per una roba così, e ancora ci piango sopra.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: