La sensazione del padre.

marzo 23, 2015

Vanessa Marzullo con il padre

Vanessa Marzullo con il padre

 

 

Prova vergogna per cosa?

“Vergogna non come la intendono tutti quelli che ci hanno buttato addosso palate di fango, gratuito e stupido. L’effetto di quel fango sta passando. Te lo togli via perché sai che è fango strumentale, nato più che altro da beghe politiche. La vergogna che intendo è un’altra. È andare in giro e vedere che uno ti guarda in faccia con l’aria di chi pensa: “Eccola, adesso è qua. Beata e tranquilla. Ma se non c’era lo Stato che pagava… Se non c’eravamo noi cittadini che pagavamo…”. È una sensazione difficile da spiegare”.

(Sapesse che sensazione difficile da spiegare si prova nel leggere queste Sue parole sul quotidiano  Repubblica, signorina Vanessa Marzullo. Sapesse che sensazione difficile da spiegare si prova, nell’apprendere che Lei ha intenzione di tornare in Siria con Greta Ramelli . E’ davvero una sensazione difficile da spiegare. Forse è la sensazione che prova un padre, nel constatare come sua figlia non abbia imparato né impari granché dalla vita. Un padre che poi comincia a farsi delle domande sul dove ha sbagliato. Quelle domande che spero si ponga Suo padre, signorina Marzullo. Il sapere che non se le sta ponendo, mi provocherebbe una sensazione ancor più difficile da spiegare. Stia bene, e stiano bene i lettori. Ghino La Ganga)

Advertisements

8 Responses to “La sensazione del padre.”

  1. RobertoLB Says:

    Ero certo di trovare un suo commento alla notizia.
    Che dire, anch’io provo una strana sensazione ma sostanzialmente me ne infischierei se lo stato non sarebbe di nuovo pronto a pagare il riscatto per qualunque idiota convinto di salvare il mondo con una no-profit farlocca che tira su due euro e con un corso di primo soccorso.
    Non mi piace e non credo nel darwinismo sociale ma la selezione della specie sarebbe una buona garanzia per le generazioni a venire.

  2. J. Says:

    Mi sa che l’ultima sensazione, quella ancor più difficile da spiegare, sia ancora più difficile del previsto… http://www.huffingtonpost.it/2015/03/23/vanessa-marzullo-fratello_n_6921810.html

  3. Antonio Says:

    Per solidarietà territoriale (sono varesotto anch’io) devo segnalare che Greta Ramelli è un po’ meno sventata di Vanessa, forse ha imparato qualcosa dall’esperienza:
    http://www3.varesenews.it/varese/greta-ramelli-tornero-in-croce-rossa-non-in-siria–308986.html

  4. Chult Says:

    Miserabile il paese in cui chi aiuta il prossimo passa per un cretino, molto miserabile quello in cui la colpa di rapimenti e violenze è addossata alle vittime che “se la sono andata a cercare”, miserabilissimo quello in cui le vite umane si misurano in soldi da tirare al risparmio.

    State bene.

    • anskijeghino Says:

      @chult:
      miserabile il paese nel quale si ritiene indispensabile un commento come il Tuo, e miserabile quel paese nel quale esistono blog -come questo del quale sono coautore – che lo pubblicano.
      Benvenuto tra i miserabili, dunque.
      Stai bene.
      Ghino La Ganga


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: