In Ancona.

maggio 5, 2015

Gian Mario Spacca

Gian Mario Spacca

“Oh. “

“Eh.”

“Ma stai a Citanò?”

“No. Oggi stago a Favrià.”

“Ah. Te dumenica  trentunu vì a votà ?”

“Boh. Me sa che vago a Sabbenedetto.”

“A co’ fà?”

“Ce sta ‘na  cumpara de mì gugina  che me la vo’ da’.”

“Un gorbu che te pija! E a me gniente?”

” Gniente. Te vì a votà .”

“Eh. Ma se vago a Sabbenedetto purìo?”

“Putriesse che vì a fate da’  ‘ntel culo.”

“Ah. A ‘sto puntu, vago a votà. “

“Eh. Cuscì nu sbaij. Cia”.”

“Cia’.”

(State bene. Ghino La Ganga)