Dopo Cannes.

maggio 25, 2015

Cannes-2015

 

 

 

Secondo me uno dei problemi del cinema italiano è costituito dai giornalisti italiani che sottolineano che non sono stati premiati  film italiani.

State bene.

Ghino La Ganga

Occupy Riminy (due).

maggio 25, 2015

Villa  occupata in via Ceccarelli a Rimini

Villa occupata in via Ceccarelli a Rimini

“Oh.”

“Eh.”

“Trovo ingiusto che ci siano case vuote mentre mio cugino è sfrattato.”

“Vero. Dunque?”

“Dunque adesso occupo la casa di Guido.”

“Ah. Lui che ne dice?”

“Cazzi suoi. Ha già dove abitare. Intanto ci metto mio cugino che è sfrattato. Poi si vedrà.”

“Mh. Beh, se è solo per tuo cugino, magari un altro posto si trova.”

“No, no. Mio cugino va lì con me e i suoi amici. Ma anche io vado lì  con i miei amici. Chiudiamo fuori Guido.  Facciamo feste tutte le sere: birra a due euro, spritz a tre euro, centrifuga di frutta a quattro euro.”

“Esticazzi. Mica per tutti.”

“Certo. E’ festa solo per chi ha un chiaro animo equo e solidale. Ad esempio: facciamo lì anche il capodanno. Balli latini, rap italiano. Con il decoder satellitare trafugato vediamo i canali di mezzo mondo.  Bellissimo.”

“Osta. Posso ritenermi già invitato?”

“Solo se occupi qualcosa. “

“Boh. Ora che ci penso, io sono in graduatoria per il bando da dipendente della Municipalizzata Scarti. Potrei occuparla.”

“Bravo. Fanculo i bandi. Sono gerarchizzanti e spingono solo ad una legalizzazione forzata.”

“Cavolo. Che bella frase! Chi l’ha detta?”

“Una che la sa lunga. Una che ha capito tutto: se hai ha un bisogno emergente, quello diventa subito emergenza. Quindi,  occupi quel che ti serve. “

“Mi sembra giusto. Senti, ora devo lasciarti. Vedo ora che Franco ha lasciato la porta tabaccheria aperta e io ho un bisogno boia di fumare. Dunque, occupo.”

“Bravo. Così si fa. Ciao.”

“Ciao.”

(In sottofondo: Stefano Rosso, Una Storia Disonesta. State bene. Ghino La Ganga)