Seguirla ovunque.

giugno 30, 2015

Eva Lovia

Eva Lovia

 

Angela Merkel

Angela Merkel

 

 

“Oh.”

“Eh.”

“Ci sono donne che seguirei ovunque.”

“Mh. Sicuro?”

“Sì. Certo. Quando un donna merita, io devo seguirla.”

“Ah. Anche se ti fai male.”

“Naturale. Cosa conta il  mio dolore di  uomo davanti alla sua felicità? Lei mi chiede di dare una testata nel muro, così si fa due risate? Io eseguo e mi procuro il trauma cranico.”

“Senti, dì un po’: non è che per caso c’è di mezzo quella storia del porno spaziale?”

“Beh, anche. Hai visto chi sarà una delle interpreti femminili?”

“Sì, ho visto. Però, voglio dire: spendere tutti quei soldi per andare nello spazio con lei… insomma…”

“L’hai vista bene?”

“Sì, appunto. Per carità, bella ragazza, bel corpo, bel sorriso, bei capelli. Sembra anche simpatica. Pare le piacciano pure le donne, sicché avremmo perfino gusti in comune. Però son tanti soldi. Poi ci vogliono ore ed ore di viaggio in tuta e scafandro. Tutto molto scomodo già all’inizio. Mi figuro l’accoppiamento senza gravità.”

“Mh. Preferisci star qui sulla terra, tu.”

“Bah, sì. Vuoi che non si trovi qualcosa di buono anche qui?”

“Sì, certo. Trovi la tedesca che ti fa pagare i debiti greci.”

“Ah. Dì, se la metti così… senti, fammi sapere di ‘sto porno spaziale, dai. Forse hai ragione: quando una donna merita, è bene seguirla.”

“Già. Ti faccio sapere. Ciao.”

“Bravo. Ciao.”

(In sottofondo: Groove Armada, Love Sweet Sound. State bene. Ghino La Ganga)

Se è vero.

giugno 29, 2015

Il matrimonio di Cesare Battisti con Joyce Lima

Il matrimonio di Cesare Battisti con Joyce Lima

 

 

Se è vero che a fianco di un uomo in gamba c’è una donna in gamba, a fianco di un uomo orrendo che donna c’è?

State bene.

Ghino La Ganga

Abu-Bakr-al-Baghdadi

Delle poche immagini nelle quali appaiono dopo la morte o l’arresto, i terroristi sparatori e sgozzatori di Sousse e Lione mi sono parsi una riedizione due punto zero del ragionier Ugo Fantozzi: una banda di sfigati che arriva in spiaggia con il canotto preso con i punti del supermercato o va in fabbrica con il furgone rubato al padroncino, nascondendo il mitra sotto ad un ombrellone logoro da spiaggia libera fuori stagione. Il vertice di questa strana e nuova organizzazione criminale sembra poter contare su adepti provenienti dalla risulta della società postindustriale contemporanea: gente che ha un lavoro e studia, ma che aspira ad un altrove fatto di sopraffazione e distruzione d’ogni cosa che appaia diversa. Tuttavia cominciano dai simili: i vacanzieri su una spiaggia in fondo popolare tunisina e gli addetti all’impianto gas francese sono quanto di più scontato e vicino a loro potessero trovare. La mia speranza è che nella massa di rincitrulliti di Isis emerga un qualcuno che presto si alzi e zittisca il leader, urlandogli la celebre frase del titolo nel mezzo dei suoi vaneggiamenti su ramadan da onorare e infedeli da colpire. Magari piazzandolo in ginocchio sui ceci a vedersi la celebre sequenza di Giovannone, Esorcicci e Polizie incazzate del film di Salce. A giudicare dalla faccia, l’unico rischio è che il tipo potrebbe  non voler più smettere.

State bene.

Ghino La Ganga

Uno di noi.

giugno 25, 2015

Lapo-Elkann-Forbes

“Oh.”

“Eh.”

“La rivista Forbes l’ha definito grande imprenditore.”

“Ho letto. Un manager modello.”

“Magnate di occhiali.”

“Distillatore di vodke.”

“Ha creato un mondo.”

“E che mondo. Il nostro.”

“Bravo. Il nostro mondo.”

“Un mondo di occhiali.”

“Un mondo di vodke.”

“Di macchine con l’interno in pelle di biscia.”

“E l’esterno  in maculato giungla.”

“Macchine da parcheggiare dove capita.”

“Ma anche dove finisci la benzina. Così, di colpo, spontaneamente.”

“Era ora che qualcuno capisse quanto bene ha fatto.”

“Davvero. Era ora. Io mi sento molto vicino a lui. Ho vissuto esperienze simili. Come quella volta che ero nudo in strada a Riccione vicino a un albergo,  due tipi mi raccolsero sulla loro auto  e mi offrirono una piadina.”

“Ti filmarono?”

“Eh, purtroppo no. Era trent’anni fa. Mica c’erano i cellulari con telecamera. Però fui riconoscente.”

“Ah. Come?”

“Beh, puoi capirlo. Erano anni allegri. Ti facevi dare una botta dietro:  e dopo non ci si pensava più. Pensa che quella volta mi feci dare due botte: una da chi guidava e l’altra dal suo amico. Ma con simpatia, senza malizia. Che spensieratezza.”

“Già. Che bei momenti. Però vedi: a chi sta al suo livello, può capitare di farsi trovare nudo fuori da un cinque stelle super a Milano. Mica fuori da una pensione a Riccione.”

“Beh, certo. Così fa tutto un altro effetto. Lui ha stile. Anche l’andar per trans: se lo fai senza cocaina, che gusto c’è?”

“Mah, nessuno. Ti sembra di andar con un gemello di Franco con le tette. Invece con due belle tirate di roba buona diventa  tutto diverso.”

“Appunto. Insomma: lui ha tracciato la strada. Ha fatto bene Forbes a capirlo.”

“Infatti. Vabbè, ora siamo tutti più contenti. Ci sentiamo un po’ importanti anche noi.”

“Bravo. E’ proprio questo, l’evento. Ciao.”

“Ciao.”

(In sottofondo: John Newman, Come and get it. State bene. Ghino La Ganga)

Fanciulli per fempre.

giugno 24, 2015

Jovanotti, Ancona 2015

Jovanotti, Ancona 2015

“…mi interessa la bambinizzazione della società, il fatto che sia io che mia figlia attendiamo con trepidazione l’uscita del nuovo film della Pixar.” (Jovanotti intervistato dopo il concerto di Ancona da Piero Negri per La Stampa, 22 giugno 2015 pag.37.)

Ci siamo sposati con la Notte dei desideri e non potevamo non esserci questa sera: è il suo primo concerto, il battesimo del pop.” ( Lucia e Luca, di Pescara, presenti al concerto di Jovanotti ad Ancona con il figlio Michael di 18 mesi in carrozzina; dichiarazioni raccolte  da Federico Taddia, La Stampa del 22 giugno 2015, stessa pagina.)

Veniamo da Bari,  volevamo esserci nel primo stadio e ci saremo anche nell’ultimo, nella nostra città. E’ un’esperienza rara, un momento di condivisione tra padre e figlio. La forza di Jovanotti è questa: sa dire le stesse cose a persone diverse.” ( Edoardo, 40 anni, presente al concerto di Jovanotti ad Ancona assieme al figlio Marco, otto anni. Stessa pagina ed articolo su La Stampa).

(Che dirVi? Jovanotti ha vinto. Non so se sia l’inventore della bambinizzazione della società, come giustamente la chiama lui: però ne è  interprete decisivo. Proprio come da lui auspicato, non c’è distinzione tra padri e figli in questo insieme di spettatori : un insieme nel quale l’età è un dettaglio, un insieme nel quale  esseri umani di otto anni appaiono più riservati di esseri umani di quaranta, ed è dal cantante che sappiamo delle passioni cinematografiche della figlia Teresa. Chissà: forse tra la data di Ancona e quella di Bari si saranno  rotti le palle per primi  i figli di otto anni, e magari sarà il padre di quaranta  a trascinarli a forza alla seconda visione con ascolto. Conosco infatti miei coetanei che han visto ed ascoltato Cappossela trenta volte, Springsteen quaranta volte, i Rolling Stones cinquanta volte. Non ho chiaro se siano i cantanti ad essersi rincoglioniti a furia di far concerti per tirar su quattro soldi, oppure il pubblico, che si ribecca la stessa scaletta di brani a distanza di un mese sperando nel brano imprevisto. Ma ormai, cosa conta?  Pare che superati i quaranta anni di età  ci si debba sentir giovani per forza: impegnati nello strano tentativo di surclassare i propri discendenti, i quali  a diciotto mesi di età – e  da una carrozzina –  faticano ad opporre articolati rilievi critici a chi vanta d’essersi sposato ascoltando la Notte dei desideri. Sono vecchio, direte Voi. Avete ragione, ho cinquant’anni : intanto i miei coetanei fanno a gara a chi si avvicina di più ai vent’anni. Di età, mica di contributi versati. State bene. Ghino La Ganga)

Eros e Thanatos.

giugno 23, 2015

Magali Noel

Magali Noel

 

 

Da qualche giorno sono stati presi di mira alcuni riferimenti erotici maschili. Per giunta quelli molto vicini, perché chi è delle mie parti sa meglio di altri cosa rappresenta la Gradisca. Addio, bella artista sexy.

State bene.

Ghino La Ganga

Evelina Christillin

Evelina Christillin

 

 

Non mi è chiaro se hanno messo una donna valida a presiedere un ente inutile o se hanno messo una donna inutile a presiedere un ente valido.

State bene.

Ghino La Ganga