Il discoprofeta dell’83.

luglio 8, 2015

 

E’ autunno ottantatrè ancora non è iniziato il va e vieni da Bologna per l’università c’è questa specie di strana vacanza prolungata in un periodo nel quale non sei abituato a stare tanto in giro al liceo in autunno durante la settimana non si faceva granchè invece adesso anche in un mercoledì sera strambo proprio in mezzo alla settimana si va in discoteca ci trovi parecchi coetanei tuoi e c’è gente che balla scatenata musicalmente passa di tutto tra una strobo e l’altra ma quel che tutti vogliono sembra della gran new wave ballabile oppure del gran rap scratchato tanto per dire Everything counts dei Depeche Mode oppure World’s Famous di Malcom McLaren le mettono anche due volte a distanza di un quarto d’ora per riempir la pista contravvenendo ad ogni regola sacra che ti hanno insegnato i dj amici di tua sorella più grande cioè che il mettere due volte lo stesso brano specie a breve distanza di missaggi  è indice di povertà di repertorio di scarsa abilità tecnica dunque mai ripetere un brano salvo occasioni speciali che so una sequenza con tre brani mixati in sincrono e ripresa a turno stile Daniele Baldelli ma solo se hai tre piatti giradischi ottimi ed il suo pubblico di strafattoni oppure c’è una richiesta particolare oppure per chiudere la serata con la hit del momento ed invece lì in pista pare proprio che se non passano certi brani la gente non gradisca forse è per quello che quando passa Yum Yum di Nile Rodgers restano a ballare in pochi un po’ più gente rientra in pista quando missano Get Down Saturday Night di Oliver Cheatham ma non è che impazziscano è in quel momento che uno degli amici di tua sorella ti urla all’orecchio questo magari è un brano che oggi funzionerebbe se solo lo passassero di più alla radio però magari tra qualche anno lo recuperano per qualcosa chissà.

(In sottofondo: beh, devo dirvelo io? Sceglietene uno, magari proprio Get Down  Saturday Night di Oliver Cheatham. Così fate le Vostre considerazioni sui recuperi musicali. State bene. Ghino La Ganga)

Annunci

3 Responses to “Il discoprofeta dell’83.”

  1. Andrea Says:

    Gentilmente

    Quando utilizza una mia immagine citi la fonte …. giusto per correttezza….

    grazie

    Moltisuoni

    • anskijeghino Says:

      @Andrea (Moltisuoni):
      Non ho capito se ti riferivi alla foto ( abbi pazienza: meramente descrittiva e priva di alcunché di artistico) oppure al mixer Pioneer (che mi risulta sia stato acquistato da molti nei primi anni ottanta, me compreso ).
      Comunque:immagine rimossa. Ok? Contento?
      Stai bene.
      Ghino La Ganga

      • andrea Says:

        Si , contento….Mi riferivo propriamente alla foto che riporta il link al mio blog. Non me ne volere ma non ho piacere ad affiancamenti politici.

        Grazie e , stai altrettanto bene!

        Andrea


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: