Il carrozzone.

agosto 21, 2015

funerale casamonica, il cocchio

Funerale di Vittorio Casamonica, il cocchio.

Dai fatti degli ultimi giorni, emerge che il principio cattolico del perdono ora prescinde dal pentimento e prevede tempi di applicazione ridottissimi. Se hai buttato l’acido in faccia a un tizio a capodanno, a ferragosto comunque partorisci e vai  subito ad abitare da Don Mazzi: si applica l’apposita  procedura “maternità salvifica” . Se per tutta la vita hai spacciato droga, pestato gente e riciclato denaro, al momento del decesso  fai comunque baldoria sul sagrato della chiesa, con elicotteri bombardanti petali di rose ed orchestrine suonanti musiche da film: si applica l’antica consuetudine “funerale bello”  mai negata  a nessuno, salvo che a quello sconsiderato di  Piergiorgio Welby e (soprattutto) a quella  credentissima ma sprovvedutissima della sua compagnuccia Mina. Nel fantastico mondo cattolico ciò che è reato finisce sempre per trasformarsi in peccato, e come tale rimettibile: la novità è che ora lo  sconto di pena non richiede nemmeno la contrizione, è già in re ipsa, la comunità di recupero è la migliore concorrente di quelle carceri statali così male arredate e così tanto affollate. Nessuno si stupisce più della quantità di immagini di Padre Pio disseminate per covi criminali, autovetture rubate, depositi armi, portafogli di assassini : la faccia del santo pugliese è il miglior viatico ai fini dell’amnistia anticipata ecclesiastica. Se poi qualcuno s’indigna per il casino fatto in chiesa tra cocchi e rolls royce, i parroci si dichiarano turbati e si dicono intenti a compiere una riflessione. Una riflessione della quale mi aspetto un esito  caro all’ animatore turistico argentino facente da Papa: quando butta male e la gente sbuffa, mettiamoci subito a fare il gioco caffè a base di immigrati e troppo lavoro .

State bene.

Ghino La Ganga

Annunci

One Response to “Il carrozzone.”

  1. MadDog Says:

    Oppure il gioco caffè a base di gender e lobby gay, che a ‘sti bastardi sta riuscendo particolarmente bene.
    Comunque, in ogni teocrazia che si rispetti il reato coincide con il peccato, no?
    Direi che ci siamo.
    Le decisioni schizofreniche dei giudici di questi giorni mi sembrano confermare la direzione presa.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: