Un rapporto vatileaks.

novembre 30, 2015

Monsignor Balda

Monsignor Balda

 

 

“Oh.”

“Eh.”

“Devo dirtelo: ho avuto un rapporto con una donna.”

“Ah. E che novità è? Io mica ti telefono ogni volta che  zompo con una. Ti chiamo ogni tanto, in via cumulativa. Altrimenti me ne andrei in spese di bolletta telefonica, qua.”

“Tu non capisci.  Ci sono rapporti e rapporti. Ci sono rapporti che  segnano un individuo.”

“Osta. Non hai usato il goldone? Ma come sei messo? Sei scemo?”

“Il goldone l’ho messo. Ma sono scemo lo stesso. Il fatto è che ho avuto un rapporto con Francesca.”

“Ah. Però. Osta. Ma scusa: non l’avevi vista?”

“L’avevo vista sì. Però lei sa combinarsi, sa truccarsi.”

“Eh, ho capito. Resta il fatto che Francesca è Francesca. Lo sai come è, accidenti. Lo sai come è lei veramente, sotto a trucco e parrucco.”

“Sì, lo so. Però io ero lì, da solo. Lei era lì, da sola. Era truccata e camuffata meglio del solito.”

“Va bene, ma se ti avvicini lo vedi che è camuffata. Sono anni che si intabarra, che si camuffa . Sono anni. Lo sappiamo che è solo camuffata. Basta che si tolga gli occhiali. Basta che si tolga la berretta, che la porta pure in luglio: un fuggi fuggi generale.”

“Lo so, infatti sono stato uno scemo. Però era  buio. Molto buio.”

“Bravo pataca, potevi scappare senza esser visto. E invece sei rimasto lì.”

“Sì. Sono rimasto lì. Lei era molto profumata. Te l’ho detto: era molto buio. Lei aveva spento anche il telefono.”

“Mh. Le ha escogitate tutte, la perfida. E dopo?”

“Dopo mi ha detto che era stato bellissimo, e che voleva facessimo una cosa a tre con una sua cugina. Una certa Silvana. La conosci?”

“Ossignùr… la Silvana. Lì non basta trucco e parrucco, non basta il profumo. Non basta nemmeno il molto buio. Ma ora la Francesca cosa fa? Ti ricatta?”

“Sì. Se non vado con lei e sua cugina insieme, dice a tutti che sono stato con lei. E io come faccio? “

“Ah, ormai sei fritto. Se qualcuno viene a sapere che sei stato con la Francesca  è un disastro. Non puoi più girare sereno. Ti tocca andare con lei e la cugina Silvana, e sperare che ‘sta roba non venga mai fuori. Ma lo hai detto ad altri?”

“No. Sei il primo e l’unico. Ma almeno tu te ne stai zitto?”

“Mi offendi se lo dubiti. Io sono muto.”

“Ah. Ecco. Grazie. Bravo. Sei un amico. Perché sai, di ‘sti tempi…”

“Non posso garantire per i lettori del blog, però.”

“Cazzo. Ma lo sanno già?”

“Beh, potrebbero saperlo. Chissà. Però anche loro potrebbero stare zitti per solidarietà. In fondo, a chi non è mai capitata una Francesca?”

“Eh, già. Prima o poi capita a tutti.”

“Certo che una Francesca e una Silvana insieme, però…”

“Non mi ci fare pensare. Sto già male. Basta, ora ti saluto. Ciao.”

“Ciao.”

(In sottofondo: Roberto Benigni,  Paese . State bene. Ghino La Ganga)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: