La non laureata rispose.

aprile 11, 2016

Beatrice Lorenzin

Beatrice Lorenzin

 

«L’analisi è basata su dati vecchi che risalgono al 2013. Oggi la situazione è diversa. Non c’è alcuna violazione»

(E’ il commento di Beatrice Lorenzin, Ministra della Salute, sul fatto che la Commissione Diritti Umani e Sociali del Consiglio d’Europa ha accolto il ricorso presentato – tra gli altri – dalla Cgil, contro l’eccessiva difficoltà incontrata dalle donne nel nostro paese per esercitare il diritto all’interruzione volontaria della gravidanza. Secondo i dati ufficiali al 31/12/13 e pubblicati nel 2014 – dati che la Lorenzin definisce vecchi perché risalenti a due anni fa –  i medici obiettori sono in media il 69% del totale, con punte dell’80% in alcune regioni. Difficile pensare che in due anni la situazione sia cambiata in modo significativo. Comincio a pensare che la mancata laurea della Ministra non sia casuale. State bene. Ghino La Ganga)