Replay remain.

giugno 28, 2016

gatto larry

 

“Oh.”

“Eh.”

“Nella mia famiglia ho indetto un referendum sulla mia uscita di casa.”

“Esito?”

“Fino a ieri sera sembrava restassi. Mia moglie era l’unica decisa a cacciarmi. I miei figli sembravano indecisi. Alla fine, il voto del gatto  è stato decisivo e mi ha buttato fuori. Ora mi tocca uscire. Quell’infame. Pensare che l’ho raccolto io al gattile comunale. E’ saltato fuori che aveva raccolto lui tutte le firme.”

“Capisco. Eh, anche chi amiamo ci dà di queste coltellate, purtroppo. Ed ora che fai?”

“Mah. Chi ci aveva pensato. Credevo che il quesito non sarebbe mai passato. Ed invece. Ora non so davvero che fare. Ho detto che me ne vado spontaneamente, ma tra sei mesi.”

“E gli altri?”

“Boh. Non è che spingano. Il gatto poi, appena gli ho dato due croccantini, mi ha fatto capire che potrebbe pure raccogliere di nuovo le firme per rifare il referendum.”

“Ah. E stavolta lui come voterebbe?”

“E chi l’ha capito? Più che altro sembra essergli piaciuto l’effetto che ha fatto. Dunque sospetto che replicherebbe il voto.”

“Mh. Allora stai attento.”

“Ah, certo. Per quel che vale. Vabbè. Ciao.”

“Ciao.”

(State bene. Ghino La Ganga)