Eh.

novembre 14, 2016

 

Firenze, 14 novembre 2016 – “Tre ambasciatori” di Firenze e della fiorentinità nel mondo: così li ha chiamati il sindaco Dario Nardella, nel consegnare loro le chiavi della città. Carlo Conti, Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni, tra una serata e l’altra del loro strepitoso tour che li rivede insieme vent’anni dopo “Fratelli d’Italia”, trasformano poi la cerimonia in un vero e proprio sketch. Nardella spiega la motivazione dell’omaggio: “In occasione del grande successo dello show abbiamo pensato di conferire questo riconoscimento in segno di gratitudine e lo facciamo con gioia: Firenze abbraccia di nuovo i suoi artisti, Firenze è una fabbrica di talenti e voi ne siete la più alta espressione”.

(Estratto da La Nazione di oggi. Pensavo ad uno scherzo, l’ho dovuto rileggere più volte. Poi invece ho constatato che la frase finale di Nardella contiene qualche attuale verità. State bene. Ghino La Ganga)