Scemo + scema.

luglio 14, 2010

 

Salta fuori che praticamente tutte le imprese di opere stradali e grande edilizia impegnate in lavori con la pubblica amministrazione, poste tra la Brianza e la Val Trompia, appartengono alla ‘Ndrangheta Calabrese.

I due delle foto qua sopra sapevano,e sono stati conniventi?

Non voglio nemmeno pensarlo.

Non sapevano,e al momento di elargire appalti erano convinti che quelle fossero serie ed operose imprese, che onorano il lavoro italiano?

Allora,sono dei poveri scemi.

Non voglio pensarlo. Anche perchè non so se sia peggio.

State bene.

Ghino La Ganga

Fin da piccole.

luglio 13, 2010

Avranno più o meno cinque anni. Son lì, vicini al bancone del bar dove stai prendendo il caffè. La bimba è meravigliosa: abbronzata,capelli castani chiarissimi, occhi verdi, espressione furbetta;in canotta,pantaloncini corti e ciabatte. Il bimbo è fantastico: capello nero,sguardo intenso, in maglia gialla e calzoncini blu, con scarpe similcalcio. Guarda la bimba, adorante. E’ innamoratissimo: lo si capisce da come le offre l’aranciata che il babbo gli ha appena comprato.

“Vuoi?”

“Nooo…” risponde lei, cinguettando. Scuote la testa, guardandolo dritto negli occhi.

Il bimbo è confuso. Se lei gli chiedesse di prendere a testate il bancone, lo farebbe senza un bah.

“Oggi vado a un compleanno…..” cinguetta lei, con aria indifferente.

“E di chi?”

Il bimbo è spaventato. Come se avesse un presagio.

“Del mio moroso…..”  riferisce lei, con tono svagato.

“E chi è il tuo moroso?”

Il bimbo è a pezzi. Non si riprenderà facilmente.

“Filippo…..”

“Filippo?….”

La botta deve essere notevole.  QUEL Filippo…. Ma non è ancora finita.

La bimba guarda il bimbo fisso negli occhi . Il lampo dello sguardo è di quelli già adulti.

“Sì. Vado al compleanno di Filippo. Il mio moroso. E tu non vieni.”

(State bene. Ghino La Ganga)

Ho visto This is the end di Babilonia Teatri al festival di Santarcangelo.Dura mezz’ora. Mezz’ora di calci nello stomaco. Si va dal lavaggio della scena con scope e acqua, alla presenza nel cast di una disabile su sedia a rotelle; alla caduta dal soffitto -a tre metri dagli spettatori della prima fila dove stavo io- di un maiale vero,tagliato per il lungo in due parti e dissanguato; alla pronuncia di frasi come quella che dà il titolo a questo post ( che pare una risposta a “Voglio una vita come Steve McQueen”); a riflessioni scandite in coro sulla morte, come unica salvezza dall’eternità di fiction come Dallas, Topazio,Beautiful; sulla morte come ostacolo all’aggiornare il profilo Facebook dopo morto; sulla morte come utile stumento per evitare di finire rincoglionito immerso nel proprio piscio e propria merda, mentre una troia che non parla la mia lingua mi imbocca; sul dopo morte dei caduti di Viareggio e L’Aquila, ove per i vivi restano dodici canzoni di merda; dodici canzoni di merda per Viareggio,dodici canzoni di merda per L’Aquila; e la chiamate vita,questa? Io voglio potermi scegliere il mio boia, un colpo solo e via, finita, tutto pulito. A corredo, intermezzi con Smells like teen spirit dei Nirvana e Ciao,amore ciao di Tenco; una corsa dei dieci componenti il cast a perdifiato e sfinimento, da un lato all’altro della scena; una specie di coreografia ritmata con le mani nel finale.

A me è piaciuto. Ma io sono io. Mica sono Voi.

Hello,hello,hello,how low?

State bene.

Ghino La Ganga

Attese su attese.

luglio 9, 2010

Per vedere ‘ste due qua nella stessa ripresa video, come da mia fantasia erotica straripante del passato, ho dovuto aspettare 25 anni. Ora ciò si è avverato. Il risultato è in effetti notevole: le due ex ragazze,ora donne, sono tuttora due gran sgnacchere. Mi piacerebbe pertanto che si avverasse anche la mia,successiva, fantasia erotica straripante: ossia che le due, dal video, si trasferissero direttamente nel mio lettone. Se però dovrò aspettare altri 25 anni, temo che, all’avverarsi, il risultato sarà imbarazzante. Per tutti e tre.

State bene.

Ghino La Ganga

Adulterio di ritorno.

luglio 8, 2010

  “Uh.”

 “Eh.”

 “Hai saputo di Franco e della Paola….”

 “Saputo….cioè….io so che sono separati. Ma lo so da sei mesi…..”

 “Ecco.Ma sai anche il seguito?”

 “Quale seguito? Son separati…..che nessuno ha mai ben capito il motivo. Dicevano che lui aveva un’altra…… ma anche che lei s’era rotta i coglioni dei genitori di lui,che eran sempre in mezzo alle palle….”

 “Ah. Allora non sai il seguito…”

 “Eh,ma allora dimmelo,’sto seguito….”

 “Senti qua. Giorni fa Guido era all’uscita dell’autostrada di Santernone……hai capito,dove c’è quell’albergo famoso…..”

 “Quello dove van tutti con le donnine. E’ vecchia. Ah,bravo Guido. Tanto,lui cosa era lì a fare….no?”

 “Eh,mi sa anche a me. Lui però dice che era lì a prendersi un caffè al bar dell’albergo…”

 “Sì,come no…..un caffè….all’albergo di Santernone… certo….”

 “No, ma lo sappiamo che non era lì per un caffè….è roba scontata,lo sappiamo… ma senti il resto…. lui era lì al bar dell’albergo, e vede arrivare una macchina …. la macchina di Franco….”

 “Eh…andava lì per un caffè anche lui, no? A Santernone. Tanto, è separato…dove vuoi che vada,a prendere il caffè…..va all’albergo di Santernone.”

 “Aspetta. Guido vede arrivare Franco, e dice : adesso questo viene qui al bar, e lo tano subito, mi faccio due risate….

 “Cazzo avrà da ridere,anche lui,quel pataca…. e invece?”

 “Invece Franco non entra,resta nel parcheggio,seduto in macchina…… dopo un po’ arriva un’altra macchina….. e chi scende?”

 “Una mignotta. Chi vuoi che scenda? Miriam Mafai?”

 “Nooo…. scende la Paola! Cazzo,la Paola! Scende lei, e allora scende anche Franco, tutto guardingo….tutta guardinga anche lei….. “

 “E allora? “

 “E allora Franco va alla reception a prender la chiave di una camera . Lei resta vicino alla macchina, tutta tirata, tailleurino nero,tette in vista, sandali altissimi….. che Guido ha detto: mai stata così figa. Mai.

 “E Guido cosa ha fatto? E’ andato a incrociare Franco?”

 “No. Ha deciso di farsi i cazzi suoi. Ha visto in silenzio tutta la scena. Franco ha preso la chiave, ha dato i documenti … poi è uscito, è andato in una di quelle camere sul retro, passando per il parcheggio…. e la Paola dopo un minuto via dietro,anche lei, l’ha raggiunto in camera….”

 “Ma a fare che cazzo?”

 “Ma secondo te? A trombare! Cosa vanno a fare un uomo e una donna all’albergo di Santernone….. vanno a prendere il caffè ?”

 “Che è cattivissimo,tra l’altro….”

 “Lo dice anche Guido. Che è rimasto lì un po’ a vedere se uscivano, cosa succedeva….. ha detto che dopo un’ora erano ancora lì….. lui è andato via,ma c’erano ancora le macchine di Franco e della Paola…..”

 “Ah. Bella pazienza, Guido…..caro il mio caffè lungo….”

 “Sì: pazienza e caffè ‘sto cazzo. Era sicuramente lì con una donnina, ha visto la scena, e quando ha finito anche lui ha guardato se le macchine di Franco e della Paola c’erano ancora. “

 “Bah. Chi li capisce,quei due…..Franco e la Paola….. eran sposati…..hanno anche una figlia piccola…. che bisogno avevano di far ‘sto casino…..”

 “Boh. Chissà. Senti,comunque…chi per primo va all’albergo di Santernone tiene gli occhi aperti….. che ‘sta roba va verificata……è troppo stramba…. ”

 “Occhei. Mi sa che ci vado proprio domani. Con una mia ex, tra l’altro…….. Ma non so a che ora….”

 “Mh. Io mi sa che ci vado giovedì… che magari combino di andarci di pomeriggio, che è più probabile beccarli…..almeno,così dice Guido….”

 “Bòn. Ma con chi ci vai? Con l’Elena? Ma la vedi ancora? “

 “Chi cazzo ti racconta ‘ste robe,a te……sì, ogni tanto ci vediamo…. cioè, ci vediamo….. ci divertiamo un po’…ecco…..che male c’è….s’è fatta anche più gnocca, tra l’altro….”

 “ Ah,ecco. Mi stavo preoccupando,io. Ciao,va’.”

 “Ciao.”

 (State bene. Ghino La Ganga)

 

Volevo dire che mi dispiace. Sì, è vero: sono arrivati alla semifinale grazie a un rigore sbagliato dal Ghana al centoventesimo minuto; però era tanto che non vedevo giocar ai mondiali una squadra con una grinta così, senza mollare mai. Bisognerà ricordarsi chi ha fatto la storia del pallone,tra l’altro; perchè nella storia del calcio non ci sono stati solamente quel cazzo di Maradona e Pelè, né solamente quei fighetti di Platini e Beckenbauer, né solamente i pompatissimi e inutili Cristiano Ronaldo,Messi,Rooney e compagnia bella; per tacere di tante meteore dei miei coglioni del passato, come Butragueno nel 1986, Baros nel 2006, eccetera eccetera; nossignore, ci son stati Nasazzi,Scarone, Cea negli anni trenta , eppoi Ghiggia e Schiaffino negli anni cinquanta, eppoi ancora Mazurkiewikz ed Esparrago nei settanta, eppoi Morena,autore di oltre 500 gol, negli ottanta ; eppoi ancora Fonseca, Alzamendi, Aguilera,assieme a quel grande talento di Francescoli, miglior calciatore sudamericano per ben due volte; uno che ebbe solo la sfortuna di giocare in squadre europee minori, ma che perfino una nota testa di cavolo come Zidane indicava come un maestro.

Grande Uruguay. Peccato davvero.

State bene.

Ghino La Ganga

Devi assistere.

luglio 6, 2010

 Ad una delle manifestazioni della Notte Rosa Riminese, e precisamente a quella denominata Fi-Gà e bomboloni, non ha preso parte Cristina Dal Basso, causa improvvisa vergogna, bensì Nina Moric, causa sua contemporanea presenza in un locale sulla spiaggia di Riccione, ove la modella croata si è recata subito dopo la comparsata, percependo relativo cachet; intanto Cristina Dal Basso era corsa all’ippodromo di Cesena a farsi fotografare e intervistare,esprimendo simpatia per la riviera romagnola, ma grande pudore nell’esibirsi seminuda; intanto la gente applaudiva a Rimini Marco Mengoni, che subito dopo lo spettacolo partiva per recarsi in non so quale locale di Milano Marittima, ove confluivano, dopo l’ippodromo, anche la Dal Basso Cristina ed altri partecipanti alle serate locali,tra le quali Nina Moric dopo la comparsata a Fi-Gà e bomboloni a nel locale sulla spiaggia a Riccione; nel frattempo si esibiva tra Rimini e Riccione Nicola Piovani, e in contemporanea in centro a Rimini Catherine Spaak, in uno spettacolo teatrale che si potrà vedere anche, a breve, a Ravenna e Forlì, al pari dei concerti del Piovani; per tacere di Markus Stockhausen, impegnato tra Riccione e Misano con Tara Bouman in concerto, che si potrà vedere a breve in giro non solo per l’intera Emilia, ma anche per l’intera Romagna; va ricordato che all’Italia in Miniatura di Viserba (RN) si sono esibiti Cristina d’Avena e i Gem Boy, che dopodomani sera si potranno vedere – mi sembra – anche a Mercato Saraceno (FC); non prima,però, di essere passati per Cervia, Milano Marittima, Pinarella, Cesenatico, Tagliata di Cervia; dimenticavo Samuele Bersani, che appena uscito di casa a Cattolica s’è esibito a Misano, poi credo domani sera lo si potrà vedere a Bellaria, o San Mauro Mare, o Gatteo. Ovviamente tralascio Mario Biondi, che dopo essersi esibito a piazzale Fellini a Marina Centro di Rimini si recherà in almeno dieci locali tra Pesaro,Gabicce, Valverde di Cesenatico, Case Castagnoli di Cesena, San Piero in Bagno, Imola, Faenza,Alfonsine, Bagnacavallo, Portico di Romagna, Santa Sofia, Meldola. Mi viene in mente che per vedere Gli ultimi giorni dell’umanità di Ronconi dovevi rassegnarti a modalità simili a un gran premio di Formula Uno: ti sedevi in un lato, e prima o poi una porzione di spettacolo ti passava davanti. Ma almeno avevi pagato un biglietto,eri lì volontariamente. Questi altri qua rischi di vederli anche se non li cerchi; ti inseguono proprio fin dentro casa, porcamiseria.

State bene.

Ghino La Ganga

Amici al metro quadro.

luglio 5, 2010

“Ohi. Dimmi.”

“Eh.Senti…no,niente di che. Solo per ridere….e per organizzare….”

“Sentiamo….”

“Presente la Barbara,con tutte quelle storie sul suo appartamento nuovo,bello figo,ben arredato……”

“Sì,sì. Non se ne può più. Con quella storia che il palazzo è figo-fighissimo,pieno di bella gente,che è costato tot al metro quadro ma li vale, perchè la zona è bella, le finiture son belle…”

“Bravo.Che ha fatto due palle a tutti con l’arredamento, il parquet, la cucina fighissima…. perfino le stoviglie e le pentole, tutte costosissime…..”

“Ma certo. L’ultima volta che ci siamo usciti a cena tutti insieme, ha rotto le palle anche a quei due amici di Franco, che magari s’eran fatti pure qualche idea di provarci con lei…..invece li ha sfiniti,quei poveretti…tutta la sera a parlare dell’armadio pregiato….. ”

“Bene. Non so se hai saputo…. lei aveva notato prima una volante della polizia che stava vicino al palazzo,nel parcheggio a fianco….. poi, un’altra volta,aveva visto una punto nera, con due tipi dentro, che badavano il portone d’ingresso…..”

“Sì,sì…. mi ricordo…. che diceva,tutta gasata : ci deve essere venuto ad abitare qualche pezzo grosso,che c’ha la scorta sotto casa….

“Ecco. Invece,non è per un pezzo grosso…”

“Ah,no?”

“No,no. Sere fa ha incontrato un suo vicino, che le ha spiegato….. la polizia va lì perchè c’è una ai domiciliari…..”

“Osta. Ma chi, una che spaccia ?”

“Ma va’. Una mezza morta di fame, che pare faccia la p.r. in discoteca. Secondo me batte,pure. Aveva ospitato dei tizi che scippavano la gente…… che le avevano nascosto parte della refurtiva a casa, a ‘sta scema…. una scema, che ospitava in casa due ceffi conosciuti in discoteca la sera prima…. ma tu dimmi che razza di imbecilli ci sono in giro…..”

“Che gente….. vanno a rovinare la reputazione di un così bel palazzo…..chissà la Barbara….sarà distrutta…. hai voglia a comprar pentole firmatissime….. basta una vicina cogliona, e addio sciccheria….”

“E mica è finita. Un’altra sera la Barbara torna a casa, e chi ti trova nel cortile?”

“Chi ti trova?”

“Tutti gli animatori della parrocchia di Montiraccio, che stavan lì a far le salsiccie alla brace nel cortile comune, con tanto di giochi di gruppo e coreografie: ci son due coccodrilli, e un orangotango….

“Cazzo…. ma chi gliel’ha permesso?”

“Uno dei condomini ha tre/quattro appartamenti e un paio di garage al piano terra, ha i figli che frequentano la parrocchia di Montiraccio. E’ amicissimo dell’amministratore, che è uno dei fedelissimi del parroco di Mortiraccio…..quelli della parrocchia non sanno mai dove andare a fare i barbecue, perchè sai, con la puzza della cipolla e della salsiccia, dopo un po’ li mandano a cagare tutti….. ed eccoli serviti lì,nel cortile del palazzo dove sta Barbara…..”

“Le sarà venuto un coccolone…..”

“Di più. Hanno anche appoggiato un vassoio sul cofano della macchina nuova di Barbara, che stava parcheggiata in cortile. E’ rimasto il segno. Non ne può più,la poveretta…”

“Bisogna andare a tirarla su. Stasera andiamo da lei. Adesso faccio qualche telefonata….cosa le portiamo?”

“Io dicevo: diamole un conforto deciso . Ho parlato con Franco. Lui passa in stazione a tirar su un paio di trans. Guido porta due amichette sue…hai capito quali. Io porto canne assortite, le carte da poker,e un casino di alcolici. Ah: porto anche Massimo detto Maiale, il capotifoso del San Guidaldo, quello che s’è preso tre Daspo. Te pensa alla cibaria…. che so,un po’ di pizzette, tramezzini, pasticcini…. magari anche una torta-gelato,con ‘sto caldo….”

“Come sempre, hai buone idee….Ok, vado a far spesa. Dài,bisogna tirarla su, alla Barbara….poverina….”

“….poverina. Con quel che ha speso al metro quadro…. dài,ci sentiamo dopo.“

 “A dopo. Ciao.”

(Tanto da parte mia quanto da parte di Anskij: un caro saluto alla vera “Barbara” , che potrebbe essersi riconosciuta in questo post: non se ne abbia a male; non ce l’abbiam con lei – che anzi è tra le più discrete persone che si frequentano – ma con tutti quelli che, quando prendon casa, per almeno due anni non parlano d’altro; e diventano sfinenti. State bene. Ghino La Ganga)

Non cronico.

luglio 2, 2010

A volte,ogni tanto,occasionalmente, per caso, non di frequente, saltuariamente, senza costanza, improvvisamente, incidentalmente, mi capita di chiedermi perchè, a noi, non sia  mai toccato  in sorte uno così.

Mi passa subito. Però mi capita.  

State bene.

Ghino La Ganga

Fino e dal.

luglio 1, 2010

“Oh.”

“Eh.”

“Senti….ma tu non eri massone?”

“Eh,una volta . Ho smesso dal 1982. Ero massone affiliato e regolare fino al 1981,anzi. Dopo ti chiedevano anche se avevi avuto le emorroidi.Adesso non lo sono più. Anzi,mi stanno anche un po’ sulle palle,i miei ex fratelli di loggia.Ma perchè?”

“No,niente. E’ perchè  dovevo avvicinare un certo magistrato, e non sapevo come cazzo fare….”

“Aah… boh,prova a chiedere a Guido. Lui era in magistratura,anni fa. Fino al 1998,mi sembra. Dal 1998 ha smesso, s’è rotto i coglioni perchè non finiva mai sui giornali e non gli davano inchieste importanti. Adesso odia i magistrati, s’è messo a fare il consulente legale, che guadagna di più….”

“Osta. Proverò. Grazie del consiglio.  Senti,stasera vieni a giocare a calcetto?”

“None. Ho da fare. Eppoi, giocavo a calcetto fino al 2006, anno dei mondiali vinti. Dopo, ho perso interesse. Anzi: dal 2006 mi sta proprio sul cazzo, il calcio….”

“Ma se una settimana fa eravamo a vedere la partita a casa tua…”

“Sì, ma come dicevo, io dal 2006 combatto il calcio, anche come minerale . Perfino ai miei figli dal 2006 proibisco di giocarlo e di assumerne.”

“Ah.Un po’ come me con le donne. Fino a due anni fa non ne lasciavo scappare una. Adesso no. Dal 2008 è cambiato tutto. Ho scoperto in me  un sentimento religioso fortissimo, che mi fa vedere tutto sotto un’altra luce…”

“…e ti fa detestare tutto quello che hai fatto fino a poco prima. Ti capisco in pieno . Nel 2008…. è  stato quando tua moglie t’ha  preso in quella casa con quelle due minorenni rumene, no? Dal 2008, combatti il peccato…”

“Puoi starne certo. Ne ho fatto una ragione di vita. Nessuno ha mai fatto più di me contro il peccato, dal 2008 ad oggi. Fino al 2008 è  stata tutta un’altra storia, che a me non interessa più e non corrisponde ai miei nuovi valori.”

“Figurati ai miei.  Pensa, io fino al 2008 fumavo pure…”

“Già. Adesso invece combatti il fumo….”

“Alla grande. Con tutte le armi. Ogni tipo di fumo, anche quello che coltivavo sul terrazzino fino al 2007 e vendevo . Fino ad allora era una cosa: dal 2007, tutt’altro. Dal 2008, come dicevo, combatto anche le sigarette….”

“Bravo. E’ una questione di tempi. Bisogna farlo capire a tutti. Fino a una certa data fai una cosa, sei una cosa. Da un certo momento, un’altra. E quel che eri prima non esiste più. Sparito. Cancellato.”

“Già. Ciò che mi sorprende è che la gente faccia fatica a capirlo. “

“Per fortuna ci sono le eccezioni. Ad esempio: mia moglie ha capito benissimo  che fino al 2008 ero un certo uomo, ma che dal 2008 sono un uomo completamente diverso….. è bastato mostrarle che se divorziava non beccava un soldo, perché io fino dal 2001 mi ero spogliato di tutto, in società benefiche all’estero…”

“Vedi? Per fortuna, quando parli e sostieni un’idea, alla fine qualcuno capisce. “

“Che parole importanti. Da oggi le farò mie. “

“Bravo. Ci sentiamo.Ciao.”

“Ciao.”

(Ogni riferimento alle sentenze Andreotti e Dell’Utri è puramente causale, non voluto, non cercato, non inteso. E comunque, dalla fine di questo post è tutto cambiato, non c’entra nulla. State bene. Ghino La Ganga )