Giù il cappello.

settembre 26, 2019

 

Giù il cappello e nient’altro, perché davanti a Marco Cappato nient’altro c’è da fare.

In realtà ci sarebbe da dire qualcosa davanti all’ennesimo appello della Cei ai medici, affinché  costoro oppongano l’obiezione di coscienza.

Però mi viene in mente chi, quando Preben Elkjaer Larsen segnò un notevolissimo gol calciando senza una scarpa, fece appello all’arbitro sostenendo che la rete andava annullata.

Nessuno perse tempo a spernacchiare il contestatore: sarebbe stato come rimbrottare un imbecille che sotto alle cascate del Niagara si lamentava degli spruzzi.

State bene.

Ghino La Ganga

Annunci

Francesco Saverio Borrelli

 

“  Se fossi un uomo pubblico di qualche Paese asiatico, dove come in Giappone è costume chiedere scusa per i propri sbagli, vi chiederei scusa: scusa per il disastro seguito a Mani Pulite. Non voleva la pena di buttare all’aria il mondo precedente per cascare poi in quello attuale  ”.

(Frase pronunciata da Francesco Saverio Borrelli il 26 maggio 2011 a Milano, interpellato da Paolo Colonnello mentre si trovava in platea durante la presentazione di un libro. Non so se oggi, giornata piena di coccodrilli, questa sarà tra le più ricordate riflessioni  dell’alto magistrato appena scomparso. Io però me la ricordo. La sua morte chiude definitivamente ogni possibilità di ulteriore approfondimento sul tema, approfondimento che comunque, in ben 8 anni, nessuno si è incaricato di sviluppare. Nessuno ha chiesto all’oggi deceduto ulteriori chiarimenti. Sicché: condoglianze alla famiglia, e mi fermo qui.)

Fuono in fpiaggia.

luglio 9, 2019

jovanotti

 

Adeffo però bafta amici della Lipu e di Legambiente mi avete un po’ rotto il caffo con i pulcini di Fratino infomma a dirla tutta qui non è il paradifo e bifogna che anche ‘fti piccoli di Fratino lo capifcano che già è difficile fparare caffate sulla plaftica cofì  finifce come l’altra fera a Lignano Fabbiadoro che fenfa bottigliette di plaftica non c’era più acqua da bere e a momenti ci menano infomma ho capito l’efpofto che avete fatto ho capito che al concerto vengono anche i Carabinieri Foreftali ho capito tutto ma provateci voi a fare un concerto al Marano tra Rimini e Riccione provateci voi a fembrare idioti anche più di quel che fiete provateci voi a cinquantatré anni fuonati a mettervi il pareo il caffettano il cappello provateci a portare a cafa la pagnotta a una che t’ha fatto le corna con Cruciani infomma provateci voi che fe io qua non faccio tot concerti l’anno non fo più come tirare avanti infomma proprio adeffo che siamo tornati tutti bambini proprio adeffo che c’è quello spirito giufto per il quale fai caffate e fei felice e neffuno può dirti niente ma foprattutto fappiate che se fiete meno di quarantamila mi mandate a puttana il budget fì lo fo la parola puttana non fi dovrebbe dire ma ogni tanto ti fcappa caffo fì infomma ogni tanto ci fcappa anche caffo.

(Ftate bene. Ghino La Ganga)

Emilia impazzita.

giugno 30, 2019

C’era una volta il modello Emilia – Romagna. Era fatto di voglia di lavorare, cooperazione, servizi pubblici efficienti, rispetto dei diritti, grande attenzione nell’uso del denaro pubblico, grandi investimenti per la cultura, perfetti asili per bambini. Oggi c’è un nuovo modello Emilia-Romagna . I  consiglieri comunali li eleggono le ‘ndrine ed i bambini sono  privati dei giocattoli per essere affidati alla ex compagna teatrante.

State bene.

Ghino La Ganga

Come in Olanda.

giugno 5, 2019

 

 

Avessi diciassette anni, ed apprendessi che alle riunioni clandestine di Lotti e Palamara partecipava pure Lotito, la cui importanza era confermata dalla distribuzione di biglietti gratuiti per vedere la Lazio allo stadio, mi suiciderei in forma assistita esattamente come ha fatto la povera Noa di Arnhem. Come assistente al suicidio non sceglierei però Davigo.

State bene.

Ghino La Ganga

Se metti.

Mag 27, 2019

 

” Se metti un furbo a comandare in mezzo a  dieci coglioni , i dieci coglioni sembrano non dico  più furbi, ma un po’ meno coglioni. Se però metti un coglione a comandare in mezzo a dieci coglioni, tutti chiedono: ma chi è quel coglione? ” 

 

( Massima di un vecchio dirigente politico di quand’ero giovane. State bene. Ghino La Ganga)

 

 

 

Selezione.

Mag 15, 2019

Riccardo Fraccaro

 

”  Un numero ridotto di parlamentari comporta una maggiore accuratezza nella loro selezione da parte delle forze politiche e degli elettori ( … ). Ne deriverà una loro maggiore indipendenza da interessi particolari. “

 

 

(Parole di Riccardo Fraccaro, Ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia Diretta, riportate su La Stampa del 10 maggio scorso in una intervista rilasciata a Carlo Bertini. Vale la pena di ricordare che alle elezioni 2018 Riccardo Fraccaro è giunto terzo nel collegio uninominale Pergine Valsugana, battuto dai candidati di Centrodestra e Centrosinistra, risultando dunque non eletto. E’ stato tuttavia ripescato, in quanto capolista del listino bloccato del Collegio Plurinominale Proporzionale Trentino Alto Adige 1.  Dunque, signori: giù il cappello, questa è la selezione, ha parlato un selezionato. Io comunque lo sapevo che Riccardo Fraccaro ci avrebbe messo forse un po’ più degli altri, ma prima o poi  ci avrebbe dato grandi soddisfazioni. Fin da subito tutti si sono messi  a correre dietro ai liquidatori di assicurazione come Toninelli, alle segretarie di studi notarili come la Lezzi , alle impiegate  dei centri caf come la Castelli. E invece no: alla fine vengono fuori i Fraccaro. I Fraccaro sono come la Fanteria: arriva dopo i carri armati, ma arriva. Cavoli, se arriva. State bene. Ghino La Ganga)